Il furioso Cristiano Ronaldo fa avanzare la Juventus dopo la cad

19/04/2019 0
Cristiano Ronaldo sta chiedendo una grande revisione alla Juventus dopo la sconfitta di martedì in Champions League contro l'Ajax.
 
Mentre il suo grande rivale Lionel Messi ha tormentato il Manchester United e assicurato la presenza del Barcellona nelle semifinali della competizione, la Juventus ha gettato via un vantaggio ed è stata meritatamente battuta dal precoce giovane lato di Erik ten Hag.
 
Ronaldo, che ha vinto tre titoli di Champions League in successione con il Real Madrid ed è apparso in otto semifinali consecutive, è, secondo la Gazzetta dello Sport, furioso con la capitolazione della Juve e insoddisfatto delle rigide tattiche impiegate da Max Allegri.
 
L'arrivo della 34enne l'estate scorsa, al costo di 112 milioni di euro, avrebbe dovuto garantire la presenza della Juventus nelle ultime fasi della competizione e, dopo la sua tripletta nel turno precedente contro l'Atletico Madrid, è sembrato come se la sua firma avrebbe raccolto immediatamente dividendi europei.
 
La sconfitta di martedì, tuttavia, ha lasciato l'icona portoghese devastata con la madre rivelando "Era molto triste. Avrebbe voluto essere andato in finale. Sarà lì per il prossimo. Cosa mi ha detto? "Mamma, non faccio miracoli".
 
Ronaldo ora si aspetta che la gerarchia della Juventus sovrintenda a un importante processo di ricostruzione in estate per rafforzare e invecchiare la squadra. Paulo Dybala potrebbe essere venduto fino a 100 milioni di euro, ironicamente per finanziare una mossa per il giocatore soprannominato "il nuovo Ronaldo", il Benfica di Joao Felix.
 
Il capocannoniere della sconfitta infrasettimanale di martedì Matthijs de Ligt è anche in cima alla lista dei desideri della Juve, così come il centrocampista di tutte le azioni del Lione Tanguy Ndombele, ricercato anche da Manchester City e Chelsea.
 
Chi sarà al timone della Juventus all'inizio della prossima stagione, nel frattempo, rimane una questione di intensa speculazione con Allegri impostato per i colloqui crunch questa settimana, nonostante il 51enne insista a mantenere il sostegno del club.
 
Antonio Conte, che ha goduto di un sabbatico lungo stagione dopo il suo licenziamento da parte del Chelsea, è stato collegato con un ritorno ai giganti di Torino e ha confermato che intende tornare alla gestione imminente.
 
"Ancora non so dove andrò", ha detto al talk show "E poi c'è Cattelan", in un episodio che andrà in onda giovedì sera.
 
'Ma certamente sceglierò una squadra che ha un progetto che mi convince'.